Sede di Milano

Archivio Autore

Kangourou della matematica 2018

Immagine correlata

 

Giovedì 15 marzo 2018, 144 allievi delle nostre classi 3a, 4a, 5a, 6a, 7a e 10a hanno partecipato all’ edizione di quest’anno del concorso di matematica Kangourou, rispondendo a domande in un tempo totale di 75 minuti.
Kangourou è una gara di matematica a scelta multipla per circa sei milioni di partecipanti in molti paesi europei ed extraeuropei. L’obiettivo della competizione è di suscitare e di consolidare la gioia di lavorare con la matematica. Non si tratta quindi di classifiche e confronti con altre scuole.
Ciononostante, a questo proposito va ricordato che i migliori delle varie classi si sono posizionati per lo più nel primo 10% del totale di quasi 35.000 partecipanti della Svizzera tedesca.
Un risultato eccellente – Congratulazioni!
Spero che i nostri allievi partecipino a questo concorso di matematica anche l’anno prossimo.
Ricordatevi la data di giovedì 21 marzo 2019.
Franz Meier,

Leggi Tutto

“L’ASSOLUTO PRESENTE”

Le classi 8ª, 9ª, 10ª, e 11ª hanno assistito alla proiezione del film L’ASSOLUTO PRESENTE del regista FABIO MARTINA, presso il cinema SPAZIO OBERDAN.

Ambientato e girato a Milano ai giorni nostri, è la storia di tre ragazzi che, a bordo di un Suv, percorrono le strade della città.
Un incontro, una violenza gratuita e le amari conseguenze che ne scaturiscono…
In sala con l’autore,
per riflettere sul tema del BULLISMO e delle profonde incomprensione che dividono le generazione della società moderna.

Leggi Tutto

I Promessi Sposi

Martedi’ 13 marzo la settima classe si è recata al Teatro Nuovo di Piazza San Babila per assistere alla rappresentazione I PROMESSI SPOSI.
Lo spettacolo va ad arricchire l’attività didattica, approfondendo le nozioni e le vicende studiate sui banchi di scuola, rendendo interattivo lo studio, dove i classici della letteratura italiana vengono portati sulla scena non solo attraverso la recitazione, ma anche con la musica e la danza.
La rappresentazione teatrale, attraverso la vivacità dell’allestimento scenico, offre agli studenti la possibilità di scoprire la bellezza dei testi ai quali essi si avvicinano durante il percorso didattico.

Leggi Tutto

La 7ª classe a Mediaset 

Non potevamo immaginare che il mondo della televisione fosse come un fantastico Luna Park.
Arrivati con la navetta a Mediaset, abbiamo subito notato la torre di emissione, che porta tutti i programmi nelle nostre case.
All’entrata ci è venuta a prendere la nostra guida, travestita con un completo in stile Gabibbo.
Lo studio di Striscia la Notizia è a forma di circo e  graffiti di un’onda schiumosa ricoprono l’intero edificio. Sul tetto tra le lucine colorate, ci sono tanti Gabibbo rossi.
Per entrare nello studio, bisogna attraversare la bocca del Gabibbo che conduce al museo di Striscia.
Sul soffitto sono  appesi tanti oggetti. Ogni cosa ha un significato preciso , come per esempio una vespa gigante rappresenta l’inviato Vespone.
E’ incredibile pensare a quanto impegno hanno messo per ricreare tutti i servizi più famosi di Striscia. Un esempio,  sono i vetri della macchina di Stefania Petix,  esplosa a causa di una bomba, oppure i resti dei Tapiri gettati  a terra prechè  rifiutati dai VIP o i collari elettrici messi ai cani, recuperati da Edoardo Stoppa e  il collarino di Luca Abete, dopo essere stato picchiato in un servizio   o le immagini di  tutti coloro  che, per girare semplici servizi, hanno rischiato di morire e infine  tantissimi Guiness World Records.
Quando si guarda il programma da casa, si vede un normale studio, ma dietro lo schermo c’è una grandissima scenografia con sei e più telecamere e moltissime luci.
Noi abbiamo avuto la grande fortuna  di vedere in anteprima Michelle Hunziker volare  su un trapezio,   non è mai successo e abbiamo incontrato anche molti inviati.
Quando abbiamo salutato tutti, non vedevamo l’ora di riguardarlo da casa, ma con occhi diversi.

Angelica 7ª classe.

Leggi Tutto

Leggere per vivere

Leggi, leggi! Puoi sentirlo tutto il tempo, ma perché è importante leggere?
Oltre a promuovere il vocabolario, che è essenziale per l’acquisizione di una lingua straniera, leggere spesso aiuta la concentrazione, la creatività, la capacità di scrittura e il pensiero analitico in generale. Tuttavia, la lettura non solo sostiene l’abilità cognitiva, ma allena anche l’abilità sociale.
Essere socialmente competenti significa comprendere se stesso e gli altri. Questo può essere appreso sia attraverso l’interazione o tramite modelli. Tutte le  persone intorno a un bambino possono rappresentare quel modello, ma modelli esistono anche nei libri…
Nella nostra classe stiamo leggendo Schorschi, il fantasma dalla scuola, lui, si trova di fronte a situazioni, che sono una realtà nella vita scolastica delle ragazze del secondo anno. La lettura comune di questa storia ci darà la possibilità di parlare sui temi, come ad esempio: la paura della scuola, l’esclusione degli altri, l’amicizia e la lealtà. E su questo sviluppare dei principi, che dovrebbero portare ad un comportamento responsabile nei confronti  degli  altri.

Leggi Tutto